Home / Viaggi in E-bike / Reportage in E-Bike / Leukerbad in E-Bike: acqua termale, riposo e pedale

Leukerbad in E-Bike: acqua termale, riposo e pedale

Una zona del Vallese dove l’acqua sgorga a 51°, Leukerbad  è ideale per le attività termali. A contorno una serie di percorsi fantastici per le E-Bike.

Il Vallese è uno dei cantoni più ricchi di attrattive della Svizzera. Qualche numero: 45 vette sopra i 4000 metri (delle 82 della Svizzera); 2000 Km di piste sciistiche; una media di 300 giorni di sole l’anno (protetto dalle suddette cime il clima è insolitamente secco), 8000 chilometri di sentieri escursionistici (gran parte sfruttabili per le E-Bike); 55 vitigni diversi (che producono vini di eccellenza); 8 prodotti a denominazione DOP/IGP; 70 prodotti a marchio Vallese; 100 Bisse (le spettacolari condotte idriche a cielo aperto, che costeggiano numerosi sentieri); 5 stazioni Termali (che fanno del Vallese zona di relax e salute). Proprio di quest’ultima caratteristica fa parte Leukerbad, località famosa per le acque termali. Ma non solo.

Leukerbad
Incredibilmente belle le montagne che sovrastano Leukerbad

Questa località si trova al centro di uno spettacolare comprensorio di montagne e all’ombra di parete rocciosa la cui conformazione ricorda molto quella dolomitica. L’altitudine di oltre 1.400 metri ne fa meta invernale di grande successo, ma Leukerbad è famosa soprattutto per l’attività termale, la più grande di tutto il comprensorio alpino. Conosciuta fin da epoca romana, beneficia di un’acqua termale che sgorga a 51°, con una portata di 3,9 milioni di litri al giorno. Quest’acqua alimenta diversi impianti termali e i numerosi centri benessere degli hotel, ma d’inverno riscalda anche alcuni edifici pubblici.

Anche a piedi

Interessante il percorso da farsi a piedi nelle gole della Dala, tramite una passerella a pochi metri dall’impetuoso torrente e dalle sorgenti sorgenti termali di Leukerbad.

La montagna che sovrasta il paese è la Gemmi, un’imponente parete rocciosa di 900 metri, su cui si sviluppa un sentiero che porta fino al passo Gemmi. Salendo in funivia verso questo passo si può apprezzare l’impressionante sviluppo di un tracciato da trekking che ci sentiamo di sconsigliare in E-Bike, perché troppo ripido. Salendo in quota con la bicicletta invece si potranno apprezzare una serie di percorsi attorno ai 2500m s.l.m, dove l’ausilio del motore delle E-Bike sarà di conforto.

Non di rado qui si può apprezzare il volo del gipeto uno dei rapaci più grandi d’Europa, capace di arrivare con l’apertura alare attorno ai 280 cm.

Sempre in funivia si può arrivare da Flaschen al Torrent, oppure con la E-Bike si può affrontare questa salita che porterà in una sorta di parco di divertimenti per le due ruote. Da qui infatti si può scendere con il “monster trottinette” (monopattino speciale dotato di pneumatici di dimensioni e scolpitura speciale), oppure utilizzando la propria E-Bike in una tortuosa discesa off road molto bella e avvincente.

Sempre se siete amanti del trekking potete da Leukerbad percorrere le scale di Albinen, la più antica via ferrata delle Alpi, attiva dal 1781. Il percorso serviva al collegamento fra i villaggi di Albinen e Leukerbad ed è consigliabile solo a chi non soffre di vertigini.

In ogni caso il rientro nella bella cittadina termale potrà far rilassare negli impianti termali e con un buon bicchiere di vino del Vallese.

Le belle strade di Leukerbad
Le belle strade di Leukerbad

testo e foto Claudio Falanga

Check Also

Anello della Val Belluna in E-Bike, su e giù per il Piave

La parte più a nord delle regione veneta, offre tante opportunità per gli e-bikers. Abbiamo percorso quindi un tratto della Val Belluna in E-Bike.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *